Ambiente Ibleo - Portale ambientalista del Sud-Est Siciliano

Analisi del voto in provincia

Pubblicato in Comunicati Stampa da admin il 18 maggio 2007

Il centro sinistra è da tempo percepito in questa provincia, come coalizione politica inaffidabile, e l’elettorato di riferimento ne ha individuato chiaramente e lucidamente le responsabilità, penalizzando, con il voto, o forse è meglio dire con il non voto, in modo chiaro le sue componenti più rappresentative, Ds e Margherita.
I due partiti maggiori, invece di fare autocritica, dopo quanto accaduto in provincia in questi anni, (Ragusa, Ispica, Vittoria, Scicli)  hanno ritenuto, in questa tornata elettorale di immettere ulteriori elementi di inquietudine (Pozzallo, Giarratana, Chiaramonte) ed  hanno proposto una candidatura che si è rivelata, come facilmente leggibile e da noi  ipotizzato, debole e velleitaria. (continua…)

I risultati delle elezioni

Pubblicato in Varie da admin il 16 maggio 2007

I risultati delle elezioni provinciali della lista Verdi - Di Pietro nel collegio di Modica (Ispica-Modica-Pozzallo-Scicli)

SANTAERA Santo 17 166 365 22 570
ALFIERI Bernaddetta 7 18 31 311 367
RIZZONE Corrado 0 105 2 2 109
BARONE Giuseppe 1 6 73 1 81
IMMERNINO Adriana 15 2 2 1 20
CRISCENTI Gaetano 0 13 1 5 19
GIANNI’ Concetto 0 15 0 4 19
MIGLIORE Antonio 0 5 0 0 5

Angelo Bonelli capogruppo dei Verdi alla Camera a Modica. Pieno sostegno ad Antonello Buscema.

Pubblicato in Varie da admin il 12 maggio 2007

2.jpgIl capogruppo dei Verdi alla Camera dei Deputati Angelo Bonelli in occasione delle Amministrative, è venuto in visita a Modica. Prima di fare tappa nella sede modicana del partito dove ad attenderlo vi erano oltre al segretario provinciale Antonio Lacognata anche alcuni candidati del partito e il candidato a Sindaco per il centro sinistra, Antonello Buscema, Angelo Bonelli ha voluto fortemente fare tappa in spiaggia a Marina di Modica per constatare di persona lo stato dei luoghi.

“Un crimine ambientale” è stata la definizione tanto concisa quanto incisiva quella usata dall’On. Angelo Bonelli in relazione allo “scempio” che si stava per compiere sulle dune della spiaggia di Marina di Modica, dove era stata concessa l’autorizzazione alla costruzione di una struttura alberghiera.

Un sopralluogo simbolico visto che l’Assessorato Territorio ed Ambiente di Palermo ha emesso il decreto di incidenza ambientale che stabilisce in maniera definitiva come le dune non possano essere minimamente intaccate da nessun insediamento, ma anzi debbano essere oggetto di tutela in maniera prevalente, essendo tra l’altro sottoposte a tutela da parte dela Comunità Europea.

1.jpgCon arrivo a Modica nella sede del partito, l’On. Bonelli oltre ad esprimere soddisfazione per le azioni del partito a livello locale, è stata occasione per un confronto su numerosi temi politici con il candidato sindaco Antonello Buscema ed i presenti.
In particolare, si è discusso del problema della zona industriale di Modica e le problematiche con l’area SIC, oltre alla creazione del “Parco degli Iblei”, a proposito del quale è stato fatto omaggio della stupenda pubblicazione relativa, pubblicata dalla Argo edizioni.

Antonio Lacognata
Santo Santaera
Corrado Rizzone
Daria Pacetto
Patrizia Fortezza
Valentina Di Martino Russo

APPELLO ALLE COSCIENZE

Pubblicato in Comunicazioni, Varie da admin il 8 maggio 2007

[Riceviamo e pubblichiamo]

La città di Modica sta vivendo un momento particolarissimo, essendo ormai alle porte le elezioni amministrative del 13 e 14 maggio, con le quali si sceglierà l’Amministrazione che dovrà guidare il Comune per i prossimi cinque anni.
 
 Siamo consapevoli che l’impressione dominante è di un generale “stordimento”, nel quale, come in crogiuolo, precipitano e si fondono manifesti colorati, appelli, inviti e pressioni.
 
 Si accavallano, in particolare, appelli ai valori, venuti anche da uomini di Chiesa (pensiamo al documento sottoscritto dal Vicario Foraneo e da altri Parroci e persone impegnate nella comunità ecclesiale e pensiamo anche ai criteri di discernimento contenuti in un documento della Scuola diocesana “Giorgio La Pira”) ad inviti personali e spiccioli, che talvolta pongono a base della scelta elettorale criteri puramente soggettivi, di amicizia o di mera appartenenza.
 
 Sappiamo pertanto che anche l’appello che sottoscriviamo può inserirsi in questo pericoloso turbinio. E tuttavia riteniamo di dover prendere la parola anche noi, in vista del bene comune, anche per coniugare questi due modi di appellarsi alla coscienza della gente.

 Riteniamo, rompendo ogni indugio, di dover concretamente e pubblicamente dire che la nostra preferenza, nell’ambito dei candidati a Sindaco del Comune di Modica, va ad Antonello Buscema. E lo diciamo in piena libertà di coscienza ed appellandoci anzi alla libera coscienza di tutti i cittadini. (continua…)

Lettera aperta al Vicario Foraneo Don Umberto Bonincontro e alle coscienze cattoliche

Pubblicato in Comunicati Stampa, Varie da admin il 5 maggio 2007

Dio pose l’uomo nel giardino di Eden,
perché lo coltivasse e lo custodisse (Gn 2,15)

papa.jpgFin dalle prime pagine la Scrittura parla di Dio come Creatore, colui che per amore ha fatto ogni cosa (Gn1-2). “Del Signore è la terra e quanto contiene” (Sal 23,1) cantano i Salmi, invitando a contemplarne la bellezza, a benedire il suo autore e il suo agire provvidente (Sal 88; 103; 134; 148).
Per mezzo di Lui ogni cosa è stata creata ed in lui tutto trova senso e pienezza (Gv 1,1-3; Col 1,15-20; Eb 1,3).

La Scrittura narra del creato come del primo grande dono di Dio, la prima radicale espressione del suo amore potente: un cosmo ordinato e prezioso, capace di sostenere quella realtà misteriosa e fragile che è la vita.
Ma sono in particolare i comandamenti del sabato, dell’anno sabbatico e dell’anno giubilare (Lv 23,3; 25,1-17) a ricordare che l’uomo non è padrone assoluto della terra: essa gli è data come dono, da coltivare e custodire in fedeltà (Gn 2,15).

Recentemente, il Papa Benedetto XVI ha celebrato,il primo settembre 2006, “la prima giornata mondiale per la salvaguardia del creato”, ma già a partire dal 1987 la Chiesa ha avvertito la grande responsabilità di affrontare un tema così delicato ed importante. Non ultimo il summit di due giorni organizzato dalla Santa Sede il 26 aprile (2007) insieme a scienziati ed autorità provenienti da tutto il mondo, in cui oltre ad esprimere preoccupazioni per il fatto che “paesi con il 5% di popolazione consumano il 20% di risorse naturali a fronte dei paesi più poveri che con il 20% della popolazione ne consuma il 5%”, il Cardinal Martino invitava a riflettere sullo sviluppo economico dove “l’uomo può usare il creato, ma non abusarne, questa è la consegna di Dio”, e deve farlo tenendo presente che le generazioni future non ricevano rottami, ma semmai un mondo in condizioni migliori.

Anche Giovanni Paolo II fornisce una definizione chiara e pienamente fruibile dell’ambiente, inteso come “casa” e nello stesso “risorsa” dell’uomo.
Giovanni Paolo II definisce l’ecologia come lo “studio della relazione tra gli organismi viventi e il loro ambiente, in particolare tra l’uomo e quanto lo circonda” e la natura come una realtà, bella e ordinata, dono di Dio all’uomo, imprescindibile per il suo sviluppo individuale e sociale, e non come potere sulla natura, vista come un insieme di risorse non animate da sfruttare in nome del profitto. Su tale visione deve vincere quella di una natura vista nell’accezione francescana, come la casa di un uomo che rispetta ed ama le creature con cui vive. (continua…)

Festa del sole che ride sabato 5 maggio

Pubblicato in Varie da admin il 3 maggio 2007

Sabato sera 5 maggio dalle ore 22.00 presso l’agriturismo “Vinciucci“, sulla provinciale Modica Ispica, abbiamo organizzato una festa ritrovo. Partecipate gente, partecipate… Vi aspettiamo con allegriafesta.jpg

 

Cronaca di un flop annunciato. La legge 513 sui siti SIC e ZPS

Pubblicato in Comunicati Stampa, Varie da admin il 2 maggio 2007

L’impugnativa, da parte del Commissario dello Stato, di alcuni commi degli articoli della legge regionale n.513, riguardanti nello specifico, disposizioni in favore dell’esercizio di attività economiche nella aree sic e zps, era ovvia e quasi scontata .
La forzatura legislativa è apparsa subito netta e diversi degli articoli del provvedimento cassati dal Commissario dello Stato in modo perentorio, rasentano la brutalità giuridica.
Nelle ore successive all’inutile voto d’aula del 19 aprile, comunque alcuni degli artefici di quell’obbrobrio legislativo trovavano, e non da soli, il tempo di una inutile quanto fuor di luogo passerella mediatica. (continua…)