Ambiente Ibleo - Portale ambientalista del Sud-Est Siciliano

TRIBUNALE DI MODICA. IL PROCESSO CONTRO 31 PERSONE PER TRUFFA AI DANNI DELLO STATO. SENTITI I FUNZIONARI DELLA REGIONE

Pubblicato in Varie da admin il 1 dicembre 2009

Funzionari regionali, residenti, rappresentanti di Comitati e dirigenti della Banca Agricola Popolare si sono succeduti davanti al microfono dei testimoni per essere escussi, oggi, dal Collegio Penale del Tribunale di Modica (Maggiore, presidente, Tigano e Manenti, a latere) nel processo a carico di 31 persone, accusate di truffa in danno dello Stato.

Il pubblico ministero, Gaetano Scollo,ed il collegio difensivo hanno messo sotto torchio tutti i convocati per quella che è una vicenda che spesso sembra non fare trasparire grandi responsabilità. I dirigenti dell’Istituto Bancario sono stati sentiti relativamente all’istruzione della pratica per ottenere i finanziamenti mentre i funzionari della Regione si sono limitati, come suol dirsi, a scaricare tutto sul Ministero sostenendo che è questo che alla fine decide se esistono le condizioni di adire alle richieste di finanziamento.

Si tratta del processo sul progetto per la realizzazione di un impianto di biomassa in Contrada Gisana Liccio, sul quale si esposero anche le associazioni ambientaliste tra le quali il Comitato Azzurro che ieri è stato sentito attraverso il presidente Angelo Iabichino. I carabinieri, nel corso delle indagini, scoprirono false fatturazioni per oltre 300 mila euro su un finanziamento di poco meno di un milione di euro concesso dallo Stato, in base ad un’ appositaa legge europea che riguardava la realizzazione di impianti per lo smaltimento di rifiuti speciali.

Secondo l’accusa, la società interessata non avrebbe avuto i requisiti necessari per potere accedere ai finanziamenti ma che dovevano servire per la realizzazione degli impianti idrico, elettrico e degli infissi. Somme che teoricamente risultano spese ma che dagli accertamenti eseguiti con controlli incrociati dalla Guardia di Finanza non coincidevano. La prossima udienza(complessivamente sono circa 40 i soli testimoni dell’accusa)è stata fissata al 14 dicembre.
Fonte: Radio RTM